Noleggio a lungo termine

La posizione dei pedali

la-posizione-dei-pedali
Frizione, freno e acceleratore: coordinare questi tre pedali è il principale scoglio per un neopatentato.
Una delle curiosità però che ha sempre riguardato i pedali e che proveremo a sciogliere è perché, nelle auto stradali che guidiamo ogni giorno sono disposti in un preciso ordine?

L’ACCELERATORE ERA DI TROPPO

I primi quadricicli a motore si controllavano per lo più attraverso delle leve che successivamente hanno subito un notevole progresso che ha visto sulle prime vetture di massa la comparsa di 3 pedali ma con funzioni molto diverse dall’uso che ne facciamo oggi. Ad esempio nella Ford Model T (immagine sopra) rispetto alla disposizione di Frizione, Freno e Acceleratore da sinistra verso destra che conosciamo oggi impiegava ugualmente 3 pedali ma quello di destra serviva per frenare, il pedale centrale serviva per innestare la retromarcia e il pedale di sinistra controllava le 2 velocità (giù marcia lenta, su marcia veloce). Poco dopo la Cadillac lanciò la pioniera delle auto moderne.

LA CADILLAC HA FATTO ORDINE TRA I PEDALI

La prima auto accreditata di aver imposto la disposizione attuale dei comandi di leva cambio e freno a mano tra i sedili, e dei 3 pedali è la Cadillac Type 53 del 1915.
Da allora sono state poche le variazioni, una di queste è la scomparsa del pedale della frizione sulle auto con cambio automatico (in questo caso il pedale del freno è più grande) e la comparsa del pedale del freno a mano, ad oggi sostituito da un pulsante sulla consolle centrale. La disposizione dei pedali da sinistra verso destra di frizione (azionata con la gamba sinistra) e freno e acceleratore (azionati con la gamba destra) è diventato uno standard per ridurre il rischio di errori del conducente che possa frenare mentre accelera o addirittura accelerare mentre frena. Una situazione tutt’altro che improbabile se si pensa che ogni anno circa 16 mila incidenti negli USA nascono da questa disattenzione e per la maggior parte durante le manovre di parcheggio.
0 Comments
Condividi

Risposta al tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito ci assicuriamo che tu ne sia felice. Ok